“Climate Neutral and Smart Cities” – Verso città carbon neutral

“Climate Neutral and Smart Cities” – Verso città carbon neutral

CITTÀ NEUTRALITÀ CLIMATICA – A livello mondiale, le città sono responsabili del consumo di oltre il 65% dell’energia disponibile, e dell’emissione di oltre il 70% di CO2. Vien da se’ che siano uno dei principali canali su cui lavorare per cercare di raggiungere la neutralità climatica. Molti centri abitati si sono già organizzati per raggiungere questo obiettivo entro il 2030. Ci stanno riuscendo?

Il programma “Climate Neutral and Smart Cities”

Il programma Horizon Europe ha stanziato 360 milioni di euro per gli anni 2022 e 2023 per dare vita al progetto Climate City. Obiettivo raggiungere la neutralità climatica entro il 2030, 20 anni in anticipo rispetto al termine imposto dalla legge dell’Unione Europea sul clima. 

L’impegno delle 100 città selezionate, dalle 377 candidate, coinvolge singoli cittadini, amministrazioni pubbliche e private. Scopo comune intervenire con un piano di azione che comprenda molti settori, in particolar modo quelli legati a energia, trasporti, edilizia e gestione dei rifiuti per attuare la transizione verso un futuro più sostenibile.

Il caso della città di Copenaghen 

Tra le città selezionate c’è anche Copenaghen. Scelta che non stupisce dato che la capitale della Danimarca ha un progetto per raggiungere la neutralità climatica già dal 2012, ben più ambizioso di quello indetto da Horizon Europe. I danesi avevano infatti annunciato di avere intenzione raggiungere l’obiettivo entro il 2025. 

Il passo in avanti fatto dalla città di Copenaghen dal 2009 a oggi è notevole, con l’emissione di CO2 che si è ridotta dell’80%. Per arrivare al punto in cui l’anidride carbonica emessa in atmosfera sia inferiore a quella che l’ambiente naturale può assorbire sono ancora notevoli i passi in avanti da fare. Le politiche messe in atto dalla capitale danese spingono prepotentemente in quella direzione, ma è già stato annunciato che non sarà possibile farlo entro la data sperata, ma la deadline rimane comunque entro il 2030. 

“Un peccato che non riusciremo a raggiungere la neutralità climatica entro il 2025” – ha dichiarato la sindaca Sophie Hæstorp Andersen – “non è detto che non ce la faremo per il 2026, per il 2027 o per il 2028”.

div#stuning-header .dfd-stuning-header-bg-container {background-size: initial;background-position: top center;background-attachment: initial;background-repeat: initial;}#stuning-header div.page-title-inner {min-height: 325px;}